home | mappa | contatti
italiano | english
link esterno, Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo


sei qui: home \ luoghi archeologici: Salerno \ Velia \ Percorso per non vedenti. Parco archeologico di Elea-Velia


Percorso per non vedenti. Parco archeologico di Elea-Velia Aree archeologiche in Provincia di Salerno Aree archeologiche in Provincia di Avellino Aree archeologiche in Provincia di Benevento Aree archeologiche in Provincia di Caserta

Percorso per non vedenti. Parco archeologico di Elea-Velia

 


Achille e la tartaruga

Un percorso per non vedenti nella città di Parmenide e Zenone

Nel 2003, anno destinato all'abbattimento delle barriere architettoniche, è stato elaborato un progetto per  rendere fruibile ai visitatori ipovedenti il Parco Archeologico di Velia, l'antica ELEA patria di Parmenide e Zenone che, per la sua conformazione di tipo collinare, non è di facile accesso per i diversamente abili.

E' stato dunque  predisposto un percorso di visita che utilizza gli spazi didattici disponibili e le aree pianeggianti della parte bassa della città, il cosiddetto Quartiere meridionale. Il percorso è stato intitolato "Achille e la Tartaruga", prendendo spunto dal famoso paradosso di  Zenone in cui il filosofo sostiene che, se - per assurdo- una tartaruga precedesse nella corsa il piè veloce Achille, questi non potrebbe mai raggiungerla: mentre Achille percorre la distanza che lo separa dalla tartaruga, questa, a sua volta, avrà percorso un ulteriore tratto e cosi all'infinito.

Il visitatore, partendo dall'ingresso, potrà accedere ad una sala didattica appositamente allestita con pannelli che comprendono testi esplicativi in braille, planimetrie e disegni realizzati in rilievo (ad esempio, la riproduzione del mosaico delle terme dell'età di Adriano).  Sono presenti anche i calchi  dei materiali più significativi rinvenuti nel corso degli scavi, dalle opere di maggior rilievo come la statua di Parmenide, agli esemplari ceramici.

All'uscita dalla saletta il visitatore, con l'aiuto di una guida e di audioguide dotate di tastiera numerata con tasti in braille, attraverserà la necropoli romana di Porta marina sud e costeggerà i principali monumenti della città bassa di Velia (insula, criptoportico e terme di età adrianea), percorrendo un  agevole sentiero lungo il quale è stata prevista  un'area di sosta.

Lungo il tragitto piccoli cordoli in legno, da individuare con il bastone, indicheranno la presenza di paletti in legno su cui è posizionata una tartaruga che reca sul dorso il numero scritto in braille corrispondente alla pagina da leggere o al tasto dell'audioguida da ascoltare.