home | mappa | contatti
italiano | english
link esterno, Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo


sei qui: home \ news


scopri i luoghi archeologici delle province di Saleno, Avellino e Benevento Aree archeologiche in Provincia di Salerno Aree archeologiche in Provincia di Avellino Aree archeologiche in Provincia di Benevento Aree archeologiche in Provincia di Caserta

Esperienza di un anno e idee per il futuro a Sant'Agata de'Goti

Invito tavola rotonda
 


Il prossimo 7 dicembre, ad un anno dall’inaugurazione della mostra “Sulle tracce di Saticula”, l'Amministrazione comunale di Sant’Agata de’Goti e la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta hanno organizzato una tavola rotonda tematica sulla valorizzazione e conoscenza del patrimonio archeologico del territorio di Sant’Agata de’Goti: “Esperienza di un anno e idee per il futuro”. L'evento avrà luogo alle ore 17.00 presso la sala ex cinema Italia in via Roma.


Alla tavola rotonda interverranno: Carmine Valentino, sindaco di Sant'Agata de' Goti, Adele Campanelli, soprintendente per i Beni Archeologici di SA-BN-AV-CE, Luigina Tomay, funzionario Beni Archeologici di SA-BN-AV-CE, Angela Ascierto, archeologo, Cinzia Dal Maso, giornalista, e Luigi Malnati, direttore generale per le antichità del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.


Il grandissimo successo in termini di pubblico della mostra allestita nella Chiesa di S. Francesco, dove in un anno si è registrata la presenza di oltre 20.000 visitatori (peraltro con aperture solo nei week-end), incorraggia a continuare il percorso di valorizzazione del patrimonio archeologico di Sant’Agata con nuove iniziative. Dal prossimo anno verrà istituzionalizzata la Giornata dell’Archeologia, finalizzata a diffondere la conoscenza del patrimonio culturale della Città di Sant’Agata de’Goti; inoltre, grazie alla proficua collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici di SA-AV-CE-BN e l’Amministrazione Comunale, è in itinere il progetto “Alle forche caudine: storia di genti, miti e percorsi”, che tra i vari interventi prevede la realizzazione, presso Porta S. Marco, struttura di proprietà comunale, di un Polo Museale sull’archeologia dispersa del territorio.