home | mappa | contatti
italiano | english
link esterno, Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo


sei qui: home \ luoghi archeologici: Salerno \ Pontecagnano


Pontecagnano Aree archeologiche in Provincia di Salerno Aree archeologiche in Provincia di Avellino Aree archeologiche in Provincia di Benevento Aree archeologiche in Provincia di Caserta

 


testa

 

L'attuale centro di Pontecagnano occupa solo una piccola parte di un antico insediamento del quale resta ancora sconosciuto il nome antico.

L'insediamento nacque nel corso della I eta' del Ferro (fine X - inizi IX sec. a.C.) sulla sponda sinistra del fiume Picentino, in seguito allo spostamento di nuclei di popolazione dall'Etruria marittima nella piana del Sele.

Pontecagnano insieme a Capua, Sala Consilina e al piccolo nucleo di Capodifiume, presso Paestum, fu infatti tra i centri 'villanoviani' della Campania, termine con il quale si designano le popolazioni dell'età del Ferro caratterizzate dal rituale funerario dell'incinerazione. 

Le ricche necropoli del periodo orientalizzante (ultimo quarto VIII - ultimo quarto VII a.C.) restituiscono l'immagine di un centro aperto ai contatti con l'esterno e di una comunità controllata da famiglie arististocratiche e attraversata da forti articolazioni sociali.

L'uso della lingua etrusca fino al IV sec. a.C. dimostra il permanere dell'elemento culturale etrusco nell'ambito di una compagine urbana che rivela negli usi funerari e nella cultura materiale forti somiglianze con le coeve comunità campane e sannitiche.

Dopo la conquista della piana del Sele e la fondazione della colonia latina di Paestum (273 a.C.) , i Romani deportano sul sito dell'insediamento di Pontecagnano un nucleo di Piceni dalla costa adriatica. Nasce così Picentia, il centro che il geografo di età augustea Strabone dice ormai già decaduto ai suoi tempi, a causa delle ritorsioni atttuate dai Romani per la sua fedeltà ad Annibale in occasione della II guerra punica.

 

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

L’Ultima Pietra, il Primo Metallo. Sentieri della Preistoria (Catalogo della mostra, Pontecagnano, Museo Nazionale dell’Agro Picentino, 11/12/1993-30/4/1994), Salerno, Boccia, 1993.

 

T. Cinquantaquattro, "Saggi Stratigrafici nell'abitato antico di Pontecagnano" in Bollettino di Archeologia 30, 1994 (2000), pp. 121 ss.


 

G. Bailo Modesti - P. Gastaldi (a cura di), Prima di Pithecusa. I più antichi materiali greci del golfo di Salerno (Catalogo della mostra, Pontecagnano, Museo Nazionale dell’Agro Picentino, aprile 1999), Napoli, Arte Tipografica, 1999.


B. d’Agostino - P. Gastaldi (a cura di), Pontecagnano II.1. La necropoli del Picentino. Le tombe della Prima Età del Ferro, Napoli 1989. Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 5).


L. Cerchiai, Le officine etrusco-corinzie di Pontecagnano, Napoli 1990, Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 6).


S. De Natale, Pontecagnano II.2. La necropoli di S. Antonio: Prop. ECI. Tombe della Prima Età del Ferro, Napoli 1992, Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 8).


A. Serritella, Pontecagnano II.3. Le nuove aree di necropoli del IV e III sec. a. C., Napoli 1995. Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli n. 9).


P. Gastaldi, Pontecagnano II.4. La necropoli del Pagliarone, Napoli 1998. Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 10).


G. Bailo Modesti - A. Salerno, Pontecagnano II.5. La necropoli eneolitica. L’età del rame in Campania nei villaggi dei morti, Napoli 1998. Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 11).


T. Cinquantaquattro, Pontecagnano II.6. L'Agro Picentino e la necropoli di Località Casella, Napoli 2001. Quaderni di AION. (Annali Istituto Orientale Napoli, n. 13).


M. Cuozzo, Reinventando la tradizione: immaginario sociale, ideologie e rappresentazione nelle necropoli orientalizzanti di Pontecagnano, Paestum, Pandemos, 2003.

 

Patrizia Gastaldi e Luca Cerchiai(a cura di), "Pontecagnano: la città, il paesaggio e la dimensione simbolica", sez. tematica AION ArchStAnt 11-12, 2004-2005